Home/La Filiera/L’organizzazione/I Modelli Produttivi

I Modelli Produttivi

I modelli produttivi adottati dalle associazioni sono molteplici e diversificati in funzione delle risorse disponibili.

Modello basato sul lavoro sartoriale con macchine da cucire. Il materiale viene suddiviso dall’associazione in piccoli lotti che vengono distribuiti agli operatori (le sarte) nel proprio domicilio. Gli operatori ricevono un tutorial con indicazioni sulle modalità di confezionamento. Al singolo operatore viene fornito un kit di igienizzazione del posto di lavoro (guanti, mascherine, cuffie, igienizzante) con le prescrizioni da adottare.

Capacità produttiva giornaliera: 2000 mascherine*

*20 macchine da cucire (5 ore/giorno, rateo produttivo 20 mascherine/ora) + 1 operatore per confezionamento finale e logistica

Vantaggi: implementazione immediata, nessun investimento iniziale.

Svantaggi: produzione limitata, controllo qualità ridotto, controllo igiene ridotto.

TARGET: fabbisogno della collettività fino a 5.000 abitanti.

Modello basato sull’impiego di una macchina da taglio automatica che prepara il materiale (plissettatura e taglio) per la successiva fase di cucitura. Il materiale pre-lavorato viene distribuito agli operatori (le sarte) nel proprio domicilio per la bordatura e apposizione degli elastici. Gli operatori ricevono un tutorial con indicazioni sulle modalità di confezionamento. Al singolo operatore viene fornito un kit di igienizzazione del posto di lavoro (guanti, mascherine, cuffie, igienizzante) con le prescrizioni da adottare.

Capacità produttiva giornaliera: 6000 mascherine* (incrementabile fino a 30.000)

* 20 macchine da cucire (5 ore/giorno, rateo produttivo 60 mascherine/ora) + 3 operatori per taglio, confezionamento finale e logistica

Vantaggi: implementazione rapida, investimento iniziale ridotto (la macchina da taglio ha un costo di circa € 3.000 e il suo rateo produttivo è di circa 1200 mascherine/ora), buona capacità produttiva (le prestazioni della macchina da taglio permettono di innalzare la produttività giornaliera fino a circa 30.000 mascherine H24).

Svantaggi: controllo qualità e igiene ridotti.

TARGET: fabbisogno della collettività fino a 10.000 abitanti.

Modello basato sull’impiego di una macchina automatizzata in grado di effettuare taglio, plissettatura e termosaldatura. La lavorazione viene ultimata manualmente con l’apposizione degli elastici e l’imbustatura (è prevista la possibilità di automatizzare anche l’apposizione degli elastici). Al singolo operatore viene fornito un kit di igienizzazione del posto di lavoro (guanti, mascherine, cuffie, igienizzante) con le prescrizioni da adottare.

Capacità produttiva giornaliera: 4000 mascherine* (incrementabile fino a 12.000)

* 8 ore/giorno, rateo produttivo 500 mascherine/ora + 2 operatori per funzionamento macchina, apposizione elastici, confezionamento finale e logistica

Vantaggi: buona efficienza produttiva con ridotta manodopera, miglior controllo qualità e igiene, capacità produttiva giornaliera incrementabile (fino a 10.000 mascherine su 2 turni di lavoro).

Svantaggi: costo iniziale macchina compreso fra € 5.000 e € 35.000 euro a seconda del grado di autonomia dell’associazione nella progettazione e realizzazione della macchina automatica.

TARGET: fabbisogno della collettività fino a 10.000 abitanti.

Modello basato sull’impiego di una macchina di confezionamento automatizzato in grado di effettuare tutte le operazioni automaticamente (taglio, plissettatura, termosaldatura, apposizione elastici, imbustatura).

Capacità produttiva giornaliera: 64.000 mascherine* (incrementabile fino a 150.000)

* 16 ore/giorno, rateo produttivo 4.000 mascherine/ora + 8 operatori per funzionamento macchina, confezionamento finale e logistica

Vantaggi: ottima efficienza produttiva con ridotta manodopera, miglior controllo qualità, capacità produttiva giornaliera incrementabile (dipendente dalle prestazioni della macchina che si acquista; esistono modelli con capacità produttiva di 150.000 mascherine/giorno).

Svantaggi: costo iniziale macchina elevato (€ 70.000 ÷ € 150.000 a seconda delle prestazioni); tempi di approvvigionamento lunghi (da 3 settimane a 3 mesi); necessità di adeguati spazi per installare il sito produttivo.

TARGET: fabbisogno della collettività oltre i 50.000 abitanti.

Le Testimonianze
La Rassegna Stampa
Le Faq
0T
Materiale Donato
0
Associazioni Terzo Settore
0M
Mascherine Prodotte

POLI MASCHERINA SOLIDALE

1 MILIONE DI MASCHERINE PER IMPARARE A PROTEGGERCI: LA FILIERA DELLA SOLIDARIETÀ PRENDE VITA!!!

IL MATERIALE
LE ASSOCIAZIONI